In questo sito vengono usati cookies per migliorare la tua consultazione. Continuando a guardare il sito, ne accetti l'utilizzo.

Accetto

Halfway Between Tokyo and Kyoto

  • LANGUAGE
    1. HOME >
    2. INFORMAZIONI SU TOYOTA >
    3. Storia del Monozukuri

    Panoramica della città di Toyota

    Storia del Monozukuri

    Facebook
    Send by LINE

    Il DNA manifatturiero di Toyota ha sempre puntato verso il futuro

    “Diventiamo un normale città ideale del futuro.”Seguendo questo slogan, la città di Toyota lavora su numerosi progetti a lungo termine, spesso anticipando altre città del Giappone.Una manutenzione forestale che guarda a 100 anni da adesso, una produzione locale per il consumo locale di energia riciclabile ed esperimenti dimostrativi di case intelligenti amiche dell’ambiente...La città ha continuato le sue sfide in vari aspetti del trasporto, della forestazione, dell’industria e della vita quotidiana dei cittadini, e tutto ciò l’ha portata ad essere scelta come città ecologica modello per il 2009.Cittadini, aziende, istituti formativi e di ricerca e le loro amministrazioni lavorano insieme nelle attività ambientali.Delegazioni di più di 100 paesi del mondo sono venute qui per osservare l’impegno della città.

    Negli anni ‘30, quando l’industria automobilistica era appena agli inizi, la produzione in serie di autombili made-in-Japan iniziò in questa regione.Oggi l’industria automobilistica sta vivendo una fase di grande cambiamento.Per creare una società a basse emissioni di carbonio, aspetto fondamentale di una “normale città ideale del futuro”, nel 2015 è stata creata la Mirai, un’automobile alimentata da una pila a combustibile fabbricata in serie.La città di Toyota ha sempre sfidato ciò che altri ritenevano impossibile, e il suo DNA di pianificatrice urbana e produttrice all’avanguardia continua a fare da guida al Giappone e al resto del mondo.

    Quali sono le origini della città di Toyota come innovatore nazionale e mondiale?

    Il villaggio di Koromo, embrione della città di Toyota, si distinse nella produzione e nella lavorazione della seta. Tuttavia l’effetto negativo della Grande Depressione degli anni ’30 rovinò l’economia cittadina. Mentre i suoi concittadini perdevano il lavoro, il sindaco Juichi Nakamura decise di apportare un cambiamento. Vide delle possibilità nell’industria automobilistica, che a quei tempi era una novità, e si impegnò per attirare industriali nella città. Nel 1935 riuscì a vendere circa 2.000.000 mq di terreno registrato della città e iniziò il livellamento del terreno.

    Kiichiro Toyoda, uomo ambizioso quanto Nakamura, lavorò alla creazione di un’industria automobilistica. Convinto che l’industria avrebbe portato allo sviluppo del paese, si dedicò alla ricerca sulla fabbricazione delle automobili. Per realizzare il suo sogno di una produzione di massa nazionale di automobili, fondò la Toyota Motor Co., Ltd.

    Nakamura e Toyoda potevano probabilmente già intravedere la “città normale ideale del futuro”. Ecco perché non si arresero finché non riuscirono a creare una nuova città e a stabilire un’azienda di produzione, cosa che ai tempi era considerata impossibile. A partire dagli anni ’50 il numero delle industrie correlate all’automobile crebbe drasticamente. La città di Toyota continua ad evolversi come città di automobili e di altri prodotti.

    La città si impegna per formare produttori che si prendano carico del futuro.

    La città di Toyota, in cui sono concentrati vari tipi di industrie, è una centro industriale sede di un’industria attiva.Il valore di vendita della produzione della città nel 2014 era di 13.084.700.000.000 yen.*I 105.996 lavoratori* delle 860 industrie* della città hanno realizzato questo risultato, posizionando la città al primo posto in Giappone.La produzione delle 357 industrie correlate all’automobile è responsabile del 96,5% del valore di vendita.

    Al fine di tramandare ai posteri questo DNA di sfidante nella produzione, la città dà molta importanza alla creazione di nuovi produttori, specialmente nel campo dell’automobile.Esempi includono la creazione della Scuola Monozukuri Mirai, dove giovani tecnici sviluppano la loro creatività e le le loro tecniche inventando nuovi prodotti, il Programma di Formazione Ingegneri Monozuliri Ikki-tsukan, un programma di collaborazione tra industria, mondo accademico e governo per formare capi tecnici, e il Progetto Car-making Expert, un’opportunità di apprendimento attivo per i bambini.La città di Toyota sostiene le capacità e le passioni dei futuri creatori della “normale città ideale del futuro”, che sono inimmaginabili per tutti.

    *Uffici con più di quattro dipendenti.

    La base manifatturiera che sostiene le industrie giapponesi

    Come città n.1 in termini di valori di vendita di manufatti e in altre classifiche, noi abbiamo sempre guidato l’industria giapponese, specialmente nel campo dell’automobile.Ora che l’industria giapponese si trova in un periodo critico di transizione, aspiriamo a evolverci come centro manifatturiero dove vengono promosse attività industriali atte a fornire prodotti, tecnologie e servizi di elevato valore aggiunto.Essendo sede di alcune delle più importanti aziende giapponesi, promuoviamo attivamente la loro interazione sia a livello nazionale che internazionale.

    La città di Toyota è il luogo perfetto per iniziare un nuovo business, grazie alle sue eccellenti caratteristiche ambientali che comprendono complessi industriali e laboratori in piena espansione e un comodo sistema di trasporti.Per attirare più aziende nella città, istituiremo il Centro di Creazione Manifatturiera, che avrà lo scopo di sostenere le aziende nel creare nuovi business e di insegnare agli ingegneri ad utilizzare con le nuove tecnologie industriali.Il Comune di Toyota sostiene inoltre gli imprenditori nella creazione di luoghi di lavoro tolleranti con la diversità.

    Filmato promozionale dell’industria manifatturiera di Toyota.

    Vi preghiamo di guardare il filmato sull’industria e le tecniche artigianali di Toyota.

    Filmato promozionale dell’industria manifatturiera di Toyota.