In questo sito vengono usati cookies per migliorare la tua consultazione. Continuando a guardare il sito, ne accetti l'utilizzo.

Accetto

Halfway Between Tokyo and Kyoto

  • LANGUAGE
    1. HOME >
    2. TURISMO >
    3. Santuario di Koromo

    Santuario di Koromo

    Città vecchia di Toyota
    • Santuario di Koromo

    Il santuario di Koromo è famoso per il festival di Koromo. Noto come “Komori Daimyojin” (divinità protettrice dei bambini) nel periodo Edo, accoglie ancora oggi molti fedeli che pregano per la salute dei loro figli nei rituali hatsumiya-mairi (la prima visita al tempio di un neonato) e shichigosan-mairi (visita al tempio dei bambini di tre, cinque e sette anni). Poiché l’area è centro dell’industria automobilistica, molti visitatori vengono qui per far benedire la propria vettura propiziandosi una guida sicura. Il terreno all’interno del recinto, grande e spazioso, fa capire come il santuario sia stato oggetto di tanta devozione sin dall’antichità. Durante il festival di Koromo, il principale evento annuale del santuario, dei bellissimo mikoshi (altari portatili) vengono sistemati nella sala Mikoshi-den, mentre nella sala di preghiera si svolgono esibizioni di musica sacra kagura, preghiere e la bellissima danza miko-mai (danza delle vergini del santuario).
    Vi sono varie teorie riguardo alla costruzione del santuario. Quella comunemente accettata è che Suzuki Shigeyoshi (Zenami), servo di Minamoto no Yoshitsune, mentre era in viaggio per ricongiungersi a Yoshitsune a Oshu nel 1189, seppe della morte di Yoshitsune e decise di fermarsi qui. Il santuario fu in seguito dedicato alla divinità Komori Myojin, trasferita qui da Yoshino nella provincia di Yamato. Venerato dai signori del territori di Koromo per generazioni, il santuario di Koromo divenne un centro di culto per la gente comune di questa regione. Non perdete l’occasione di fargli una visita.

    Eventi annuali

    Festival di Koromo (Koromo Matsuri) (terza domenica di ottobre e il sabato precedente)

    Ogni anno il festival principale si tiene la tera domenica di ottobre, mentre il sabato precedente ha luogo il pre-festival. Le attrazioni comprendono la parata dei carri allegorici “dashi” attraverso la città, il lancio di coriandoli, lo shichido-mairi (una processione che passa per il santuario 7 volte) e la riunione dei “dashi” presso il santuario. Risalente al tardo periodo Edo, è uno dei più importanti festival dell’area di Mikawa.

    Rituale purificatorio del cerchio di erba (Chi-no-wa Kuguri) (Luglio)

    Tradizionale rito chiamato Chi-no-wa Kuguri (consiste nel passare attraverso una grande anello fatto di erba intrecciata). Il Chi-no-wa Kuguri è un rito di purificazione de corpo e dello spirito. I partecipanti vengono benedetti con un tradizionale strumento fatto di canne e, secondo la leggenda, coloro che passano attraverso l’anello di erba intrecciata vengono lavati dai peccati e dalle impurità accumulati nell’anno precedente ed è loro assicurata buona salute per tutto l’anno e un’estate sana e felice.

    Informazioni di base

    Indirizzo 〒471-0023
    5-1 Koromo-cho, Toyota
    Confronta i prezzi Ingresso libero
    Giorni e orari di apertura Aperto tutto il giorno
    Giorni di chiusura Aperto tutti i giorni
    Come arrivare coi mezzi pubblici [Da Nagoya]
    • Dalla stazione di Nagoya della linea metropolitana Higashiyama arrivare alla stazione di Fushimi, lì prendere la linea metropolitana Tsurumai, poi cambiare con la linea Meitetsu Toyota: alla stazione di Akaike, scendere alla stazione Meitetsu Toyotashi e continuare a piedi per 10 minuti.
    • Dalla stazione di Meitetsu Nagoya arrivare alla stazione di Chiryu della linea principale Meitetsu Nagoya, scendere alla stazione di Meitetsu Toyotashi e continuare a piedi per 10 minuti.
    • Dalla stazione JR Nagoya arrivare alla stazione di Kozoji, lì prendere la linea principale JR Chuo, scendere alla stazione di Shin-Toyota della ferrovia Circolare di Aichi e da lì continuare a piedi per 10 minuti.
    Come arrivare in macchina 15 minuti dall’uscita Toyota dell’autostrada Tomei passando per le statali 155 e 153